Il Rinascimento nascosto nei boschi
a partire da € 50,00
22 luglio - 26 agosto - altri giorni su richiesta

La Valle del Mutino, boscosa ed appartata, è una delle valli più intatte della Provincia di Pesaro e Urbino ai limiti fra il Montefeltro e la Massa Trabaria; qui a lungo prosperò l’Abbazia di Santa Maria del Mutino mentre nei boschi poco distanti crebbe il piccolo centro di Cavoleto, risorto dopo l’abbandono. Non solo nei boschi ma anche nei paesaggi è nascosto il più bel Rinascimento del Montefeltro, infatti i paesaggi di Piero della Francesca sono tutti da scoprire tra i profili delle montagne, gli specchi d’acqua, i boschi, le forre, le rupi che Piero, con tanta precisione, aveva scelto e raffigurato come teatro naturale per gli sfondi delle sue opere.

I paesaggi di Piero della Francesca:
Il Dittico dei Duchi di Urbino (Galleria degli Uffizi) comprende tre distinti quadri : il ritratto di Federico da Montefeltro, sua moglie Battista Sforza e i Trionfi. I tre paesaggi che hanno da sfondo alle tre opere da sempre sono stati ritenuti paesaggi immaginari, di fantasia. Oppure vi hanno  riconosciuto  scorci umbri  o toscani, pochi in verità hanno visto il Montefeltro dietro quei ritratti, ma da qualche tempo due ricercatrici urbinati, appassionate d’arte e  paesaggio, Rosetta Borchia e Olivia Nesci, soprannominate cacciatrici di paesaggi hanno individuato i profili delle montagne, gli specchi d’acqua, i boschi, le forre, le rupi che Piero, con tanta precisione, aveva scelto e raffigurato come teatro naturale per gli sfondi delle sue opere.

San Leo:
Si può affermare che, fin dal III secolo, i romani costruirono una fortificazione sul punto più elevato del monte, ma non munirono l'abitato di cinta murarie poiché la rupe è di per sé inaccessibile da qualunque lato. Il centro medievale conserva gli edifici romanici, la Pieve, la Cattedrale e la Torre Campanaria, mentre i palazzi residenziali hanno subito numerose trasformazioni principalmente durante il periodo rinascimentale. L'abitato storico si estende intorno alle chiese che affacciano sulla piazza centrale, intitolata a Dante Alighieri. Distanziata dall'agglomerato urbano, per evidenti ragioni difensive, è la Fortezza di Francesco Di Giorgio Martini. La fortezza fu protagonista di importanti vicende guerresche durante il periodo rinascimentale: fu sottratta per pochi mesi ai Montefeltro dal Duca Valentino nel 1502 e ai Della Rovere dalle truppe medicee nel 1517. Con la devoluzione del ducato urbinate al dominio diretto dello Stato Pontificio (1631), la rocca perse il suo carattere di arnese da guerra e fu adattata a carcere. Dal 1791 fino sua alla morte, avvenuta il 26 Agosto 1795, vi fu rinchiuso Giuseppe Balsamo, noto come Alessandro conte di Cagliostro, uno dei più enigmatici ed affascinanti avventurieri dell'età dei Lumi.

Condizioni:
Quota adulto € 135,00
Minimo 8 persone
Date: 22 luglio - 26 agosto - altri giorni su richiesta
Fruibile in lingua italiana

L’esperienza comprende:
- Minivan con autista
- Pranzo
- Visita guidata per l’intera giornata
- Ingressi

NOTE:

- Il prezzo dell’esperienza si intende al netto del soggiorno nei nostri hotel.
- Il pacchetto è acquistabile solo se abbinato al pernottamento presso una delle nostre strutture alberghiere.
- Per prenotare il soggiorno nei REX Hotels, contattare direttamente i singoli alberghi.

RICHIEDI INFORMAZIONI PER QUESTO PACCHETTO
DATI ANAGRAFICI
DATI VACANZA
 
Autorizzo Rex Hotels al trattamento dei miei dati personali in accordo con la legge sulla privacy D.L. 196/2003 PRIVACY
refresh CAPTCHA Image